Dal 1925 muoviamo gli italiani e continueremo a muovere progetti in tutta Europa.

Negli stessi giorni in cui al Salone dell’Auto di Milano veniva presentata la Fiat 509, il 25 aprile 1925 nasceva SAVA, Società Anonima Vendita Auto.

La finanziaria era stata fondata da FIAT per rendere l’acquisto di un’auto più semplice e accessibile. La Fiat 509, prima utilitaria prodotta in grande serie negli stabilimenti del Lingotto, fu così anche la prima automobile in Italia ad essere venduta a rate con un nostro finanziamento.

Da allora, siamo stati al fianco degli automobilisti italiani, dei brand del Gruppo e della rete dei concessionari con soluzioni finanziarie che hanno accompagnato l’evoluzione del settore automotive facendone un elemento di sviluppo strategico per tutto il Paese.





C’eravamo nel 1957, quando in pieno boom economico nacque la FIAT Cinquecento. Ci siamo ora che la Fiat 500 elettrica è
pronta per il lancio.

Negli anni non ci siamo mai fermati, era il 2006 quando Fiat Auto S.p.A. e Crédit Agricole S.A. si unirono in una joint venture paritetica mirata a espandere in Europa le attività finanziarie.

Così siamo diventati la finanziaria di riferimento in Italia e in Europa per brand come Ferrari, Maserati, Jaguar e Land Rover fino a essere partner di Aston Martin Lagonda, Morgan Motors e Harley Davidson. Oggi che siamo una Banca presente nei principali paesi europei muoviamo anche i progetti, gli acquisti e i risparmi dei nostri clienti con prodotti bancari completi e innovativi come la Carta di Credito, i Prestiti Personali ed il Conto Deposito.

Guardiamo al futuro e supportiamo ogni giorno la diffusione di una mobilità più sostenibile con la gamma di finanziamenti Be-Hybrid by FCA Bank attraverso i quali stiamo creando una foresta con oltre 14.000 alberi, in collaborazione con Treedom, per contribuire alla compensazione delle emissioni di CO2 dei veicoli ibridi FCA. Muoviamo gli italiani da 95 anni e oggi muoviamo anche i progetti, desideri e sogni europei.

Siamo la vostra Banca Digitale. Ci siamo stati fino a oggi, ci saremo ancora di più domani quando finirà l’emergenza, pronti a ripartire insieme.

25.04.2020

Scarica la news