FCA Bank & Treedom: portiamo un albero a bordo di ogni auto ibrida in Europa

FCA Bank, in occasione del lancio della nuova famiglia di auto ibride FCA, ha iniziato un importante percorso verso un business sostenibile.

Il primo passo si è concretizzato con la partnership recentemente conclusa con Treedom, società italiana operante in Europa dal 2010, che è l’unica piattaforma al mondo che permette di piantare un albero a distanza e seguire la sua storia online. E’ nata, così, la foresta FCA Bank, dove, grazie alla scelta ambientale dei clienti rivolta alle auto Ibride sarà possibile ridurre le emissioni di CO2 a sostegno di una mobilità più consapevole e sostenibile.

Con questo obiettivo, FCA Bank Group proporrà una gamma di prodotti finanziari e soluzioni di mobilità, disponibili in tutti i mercati europei in cui opera, dedicata alle auto ibride di FCA, come le nuove Fiat 500 e Panda entrambe con formule di finanziamento semplici e flessibili.
Il cliente potrà scegliere la soluzione che gli consente di decidere se sostituire la sua auto con una nuova, se continuare a guidare la sua auto acquistandola o restituirla.
Sarà possibile abbinare gli innovativi servizi assicurativi, proposti in collaborazione con i migliori provider del mercato.





Con le soluzioni offerte da FCA Bank Group è possibile migliorare e salvaguardare l’ambiente: in tutta Europa, molteplici clienti, a fronte di un contratto finalizzato con la banca per un’auto ibrida, riceveranno un apposito codice da attivare on line sulla piattaforma treedom.net per adottare un albero della foresta e cominciare a contribuire alla riduzione di CO2.

L’albero scelto, sarà piantato da contadini in vari paesi del mondo, in particolare in Kenya, Madagascar, Cameroon, Ecuador, che lo accudiranno e beneficeranno dei suoi frutti, con la possibilità per il cliente di conoscere esattamente dove si trova, dargli un nome e seguire la sua storia attraverso aggiornamenti periodici del progetto in cui l'albero è stato piantato. Con le nostre soluzioni finanziarie quindi, si genererà un circolo virtuoso con benefici non solo ambientali ma anche economici e sociali atti a sostenere lo sviluppo delle popolazioni locali di volta in volta coinvolte.

04.02.2020

Scarica la news